DUEL.

C’è solo una cosa peggiore del morire a grappoli, passeggiando sul lungomare una sera d’estate: non sapere il perché. Nei prossimi giorni saremo al solito inzuppati dal diluvio del commentario e la rabbia si dissiperà in smarrimento, impotenza, silenzio interno, interpretazioni sbagliate. Is-Isis è un progetto che: 1) doveva monopolizzare l’islamismo radicale; 2) doveva costruire uno stato islamico tra Iraq e Siria per ragioni geopolitiche d’area; 3) doveva combattere nelle due periferie dell’islam (Asia ed Africa) oltreché nel Maghreb per sostituire governi laici, filo-occidentali, militari con governi islamisti. Il primo obiettivo è ormai raggiunto, il secondo probabilmente non verrà raggiunto, il terzo diventa la nuova priorità. Il nemico principale dell’Isis nel quadrante africano è la Francia per ben note questioni di presenza post-coloniale (Nord-Africa, Ciad, Niger etc.), finalizzata a coltivare il longevo interesse nazionale per quell’area.

La Francia verrà costantemente inseguita dal misterioso camion omicida, alla cui guida c’è download2l’Arabia Saudita, ovvero il demiurgo dell’Is-Isis, fino a che non lascerà la presa sul terreno conteso. Onorare i morti di Nizza è dar loro sepoltura non gettando false, distratte ed inutili parole nella fossa, ma ragioni che tentino di dare un senso alla loro fine, oltre alle nostre private, umane lacrime.

= = =

[La nostra analisi che concludeva sulle responsabilità saudite relativamente all’Isis, analisi di quasi due anni fa, si trova -in due puntate- qui e qui. Quella più “politica” e “geopolitica” è la seconda]

Informazioni su pierluigi fagan

62 anni, sposato con: http://artforhousewives.wordpress.com/, due figli, un gatto. Professionista ed imprenditore per 23 anni. Da più di quindici anni ritirato a "confuciana" "vita di studio", svolge attività di ricerca da indipendente. Il tema del blog è la complessità, nella sua accezione più ampia: sociale, economica, politica e geopolitica, culturale e soprattutto filosofica. Nel 2017 ha pubblicato il libro: Verso un mondo multipolare, Fazi editore. Ogni tanto commenta notizie di politica internazionale su i principali media (Rai3, la7, Rai RadioTre Mondo, Radio Blackout ed altre) oltre ad esser ripubblicato su diverse testate on line. Fa parte dello staff che organizza l'annuale Festival della Complessità. Tiene regolarmente conferenze su i suoi temi di studio. Nel 2021 è uscito un suo contributo nel libro collettivo "Dopo il neoliberalismo. Indagine collettiva sul futuro" a cura di Carlo Formenti, Meltemi Editore.
Questa voce è stata pubblicata in geopolitica, islam e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.